I miei sette padri: Adelmo Cervi ad Ariano Irpino e Castel Baronia

Read Time:1 Minute, 10 Second

Adelmo aveva soltanto tre mesi quando suo padre Aldo (terzogenito), insieme agli alti sei fratelli Cervi, fu fucilato dai repubblichini fascisti. Originari di Campegine (RE), i fratelli Cervi erano contadini antifascisti, che avevano compreso l’importanza di impiegare tecniche innovative per rendere produttiva la terra, così come la necessità di emanciparsi attraverso la conoscenza e insieme di lottare contro le ingiustizie sociali e il regime fascista, fino a imbracciare le armi. La lotta di Resistenza la pagarono con la vita: tutti e sette i fratelli furono trascinati davanti al plotone di esecuzione a Reggio Emilia, all’alba del 28 dicembre 1943. Al loro sterminio sopravvisse il padre Alcide, che dopo il carcere, tornò a coltivare la terra con le donne e i nipoti superstiti e scrisse un libro-testimonianza su quella amara vicenda: I miei sette figli.

Oggi, uno dei nipoti, Adelmo, si fa a sua volta portatore di memoria, col libro: I miei sette padri, che propone in giro per l’Italia, insieme all’omonimo docu-film della regista Liviana Davì.                                  Mercoledì 4 ottobre, Adelmo Cervi farà tappa ad Ariano Irpino. In mattinata (dalle 10,30) parlerà agli studenti delle quinte classi del liceo P. Parzanese, presso l’Auditorium comunale, mentre alle 17,30 incontrerà il pubblico, presso la Sala G. Siani del Palazzo degli uffici.                                 Giovedì 5 ottobre, alle 18 sarà a Castel Baronia, presso la Sala consiliare del Municipio.                                                                                                                                                                          

About Post Author

Floriana Mastandrea

Giornalista, scrittrice, sociologa: per una società più equa, la giustizia giusta e i diritti, soprattutto per i più deboli. Combattente per indole e per necessità.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Previous post Da Avellino al Friuli a combattere per la libertà: il partigiano Umberto, mio padre
Next post Cosseria (SV): il sorprendente Museo della Bicicletta e un progetto di ciclismo al femminile