SENATO_940x380.jpgcollage_940x380.jpgfloriana.jpgfloriana1.jpegfloriana_mastandrea_giorgio_albertazzi.jpgfloriana_mastandrea_ugo_pagliai_giuseppe_marino1.jpgfloriana_premio_della_sera.jpgfloriana_premio_della_sera1.jpgfloriana_premio_della_sera2.jpgfloriana_sorridente_940x380.jpg

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.florianamastandrea.it/home/plugins/content/plgBonckoSlideShow/plgBonckoSlideShow.php on line 118

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.florianamastandrea.it/home/plugins/content/plgBonckoSlideShow/plgBonckoSlideShow.php on line 118

Blog di Floriana Mastandrea

La verità del pentito

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose

“Com’è stato possibile credere, per quasi vent’anni, a una ricostruzione falsata sulla strage di Via D’Amelio, avallata da processi e sentenze? Complotto, depistaggio o errore giudiziario? Le indagini sono in corso. Ma senza Spatuzza si sarebbe mai scoperto tutto questo?”. Una lecita domanda dell’autrice, Giovanna Montanaro, sociologa, studiosa dei fenomeni di criminalità organizzata, già consulente della Commissione parlamentare antimafia.                   

Quando, nel giugno del 2008, Gaspare Spatuzza decise di collaborare con i magistrati, i processi sulle stragi del 1992 e del 1993 erano stati celebrati da anni e le sentenze di condanna confermate in Appello e in Cassazione. Le sue dichiarazioni si riveleranno dirompenti: ricostruzioni dettagliate e puntellate da particolari riscontrabili, spazzeranno via la verità ribadita in tre gradi di giudizio, portando alla luce una nuova, che completa o rettifica il quadro degli attentati di Firenze, Milano e Roma, riscrivendo intere pagine del processo per l'assassinio di Paolo Borsellino. Chi è Gaspare Spatuzza, il collaboratore chiave, le cui rivelazioni sono paragonate, per la loro importanza, a quelle che Tommaso Buscetta fece a Giovanni Falcone? L'autrice del libro, che ha ottenuto da Spatuzza un'intervista esclusiva, lo definisce «un pentito da manuale». Un ragazzo cresciuto agli ordini dei fratelli Graviano, capimafia di Brancaccio, che agisce nel «gruppo di fuoco» del loro mandamento. Rapine, estorsioni, circa quaranta omicidi – fra i quali quello di don Puglisi – fino al 1997, anno dell’arresto. E poi un lungo, sofferto cammino di pentimento e conversione religiosa, che lo conduce a una svolta esistenziale e alla decisione di dire la verità, di mettersi dalla parte dello Stato. Attraverso il racconto del pentito, le voci dei magistrati e l'analisi delle migliaia di pagine degli atti giudiziari, l'autrice ricompone il complesso quadro dei fatti criminali del periodo stragista. Grazie al contributo del pentito, ricostruisce un pezzo di storia della mafia, del suo agire, delle sue regole, della sua cultura, delle sue strategie di morte. Attraverso Spatuzza ci si addentra nell’“ideologia mafiosa”, fatta di obbedienza a pseudo valori, codici culturali (rispetto, onore, omertà), riti iniziatici, regole e comportamenti.     Dalla prefazione di Pietro Grasso: “In queste pagine, ciascuna delle indicazioni fornite da Spatuzza è collocata nella storia complessa delle stragi, confrontata con verità precedenti poi smentite, studiata nei suoi effetti, e in questo modo la ricostruzione del periodo stragista del ’92 - ’94 appare tanto chiara e coerente come non è mai stata, fino a pochi mesi fa, neppure nelle aule dei tribunali”.                                                                                 Giovanna Montanaro collabora con l’associazione Libera e la rivista Narcomafie. È coautrice del volume, a cura del Gruppo Abele, Dalla mafia allo Stato. I pentiti: analisi e storie (2005). Ha scritto alcune voci per il Dizionario enciclopedico di mafie e antimafia (2013). Sulla criminalità organizzata e in particolare sul fenomeno del pentitismo, ha tenuto corsi e seminari presso le Università di Napoli, Bologna, Perugia e Roma.

La verità del pentito

GIOVANNA MONTANARO

Sperling & Kupfer   € 17

Floriana Mastandrea

Joomla templates by a4joomla